I principi della gestione agile dei progetti si sono radicati nello sviluppo del software e nei settori dell’ingegneria. Esistono molte metodologie diverse (come Scrum o Kanban) su come implementare questi processi, ma agile non deve essere complicato e può essere applicato a qualsiasi campo (ma forse non dovrebbe esserlo).

Questo articolo ha lo scopo di portarti alcuni passi oltre il semplice i principi di Agile, con informazioni fruibili, evitando il dogma di una particolare metodologia.

Se vuoi sapere in che modo la gestione dei progetti Agile differisce dalla gestione dei progetti tradizionale, questo articolo è per te. Dato che siamo una società di software che vende un’applicazione per la gestione dei progetti, concluderò l’articolo spiegando come OneDesk può aiutarti a realizzare le cose di cui discutiamo.

Lo spettro della pianificazione del progetto

I progetti sono essenzialmente obiettivi finali suddivisi nei passaggi necessari per raggiungere tali obiettivi. La gestione del progetto sta creando questi passaggi, organizzandoli, eseguendoli e monitorando i loro progressi. I progetti più grandi richiedono team più grandi e quindi la pianificazione, la stima, l’assegnazione, il monitoraggio e il coordinamento è spesso un lavoro a tempo pieno.

Come puoi immaginare, non tutti i progetti sono creati uguali. Una ricetta semplice può essere sufficiente per preparare la cena, ma non funzionerà per progettare un ponte. I metodi di gestione del progetto necessari variano radicalmente in questo spettro, così come gli strumenti.

Per la maggior parte di noi, i progetti che svolgiamo al lavoro rientrano da qualche parte nel mezzo dello spettro:

  • Lavoriamo in un team e persone diverse faranno parti diverse del progetto
  • Dobbiamo prestare attenzione all’ordine dei nostri compiti
  • Dovremmo avere una stima ragionevole di quanto tempo ci vorrà e quando sarà terminato
  • Per alcuni di noi è necessario tenere conto dei costi
  • Dobbiamo essere in grado di vedere se siamo sulla buona strada e a che punto siamo nel progetto.Se questo suona come il tipo di progetti su cui lavori, con forse una o due preoccupazioni aggiuntive, il tuo lavoro POTREBBE essere in grado di trarne vantaggio da un approccio agile o POTREBBE NON. Anche all’interno di questi progetti di medie dimensioni, ci sono gradi di quanto un progetto deve essere pianificato e gestito. All’estremità più chiara, potrebbe funzionare un elenco di cose da fare scritto su una lavagna bianca. All’estremità più pesante, potrebbero essere necessari time-line, diagrammi di Gantt e calendari delle risorse. Il trucco è trovare il punto nello spettro in cui la gestione del progetto non costa più di quanto ne trae vantaggio. Può essere difficile da trovare.

    Gestione del progetto tradizionale

    Non esiste una definizione fissa di gestione del progetto tradizionale, ma ai fini di questo articolo descriveremo alcune pratiche che vengono spesso seguite.

    Con una gestione dei progetti più tradizionale, prima che i progetti vengano lanciati vengono pianificati accuratamente. Ciò significa che:

  • Vengono identificati quanti più compiti possibili.
  • Per queste attività vengono effettuate stime in termini di lavoro / durata.
  • Anche i costi sono stimati.
  • Le assegnazioni vengono effettuate tra attività e risorse.
  • Viene stimata una data in cui il progetto sarà completato.Come puoi vedere, questo approccio è pesante nella pianificazione e richiede molto lavoro iniziale prima ancora che il progetto inizi. Sebbene questo approccio possa essere necessario per alcuni progetti, potrebbe gravarti di spese generali non necessarie per molti altri progetti. La gestione dei progetti Agile rifiuta questo approccio pesante di pianificazione, spesso sostituendolo con tecniche e strumenti alternativi. Tre di queste tecniche sono punti agili, iterazioni / time-boxing e schede di stato.

    Punti agili

    I punti agili (story points) sono stime dello sforzo. Mentre il project management tradizionale di solito stima lo sforzo del compito in termini di ore di lavoro, con agile devi semplicemente assegnare un punteggio a un compito su una scala di punti (ad esempio: da 1 a 5) e lasciarlo a quello. Poiché questo tipo di stima richiede pochissimo tempo, stai scambiando una pianificazione delle spese generali inferiore per una minore precisione nella stima.

    Un numero totale di punti (o capacità di punti) è assegnato a un progetto o iterazione. Riempiamo semplicemente il progetto con le attività, fino a quando non viene raggiunta la sua capacità di punti. Poiché alcune attività saranno sopravvalutate e altre sottovalutate, speriamo che la media sia più o meno corretta. L’esperienza ci dirà quanti punti può raggiungere il nostro team in un dato periodo di tempo.

    Time-boxing durante le iterazioni

    Le iterazioni sono piccoli progetti o suddivisioni di progetti. Il time-boxing è il concetto di mantenere le tue iterazioni sempre della stessa durata. Ad esempio, potresti suddividere il tuo progetto di 2 mesi in quattro iterazioni di 2 settimane. Puoi rilasciare o meno tra le iterazioni. Le attività che non vengono completate in un’iterazione vengono trasferite a quella successiva. Con il tempo si migliora la stima di ciò che può essere realizzato in un’iterazione.

    Il time-boxing è spesso una delle tecniche più difficili da applicare poiché molti progetti, non possono essere tagliati arbitrariamente in periodi fissi. Inoltre, spingere le attività all’iterazione successiva significa che non saprai quante iterazioni avrai.

    Schede di stato

    Le schede di stato, sebbene non richieste da Agile, sono spesso utilizzate nei progetti Agile. Continuando con la filosofia di ridurre il sovraccarico della gestione del progetto, le schede di stato consentono a qualcuno di trascinare e rilasciare la propria attività da una colonna all’altra per aggiornare lo stato della propria attività. Queste schede consentono anche di visualizzare facilmente dove si trovano le attività in termini di stato per l’intera iterazione.

    Altre tecniche

    Ecco alcune altre tecniche e strumenti agili che puoi considerare di utilizzare nei tuoi progetti.
    Riunioni quotidiane in piedi : Questi incontri quotidiani sono dove ogni membro del team dice su cosa ha lavorato ieri, cosa intende realizzare oggi e se ha dei bloccanti. Sono tenuti in piedi per tenerli corti.
    Grafici di burn-down e velocità : I grafici burn-down mostrano la riduzione delle attività aperte nel progetto nel tempo. I grafici di velocità confrontano le iterazioni time-boxed tra loro per vedere se ciò che il team può ottenere sta migliorando nel tempo.
    Autoassegnazione : Questa è la pratica di non assegnare i compiti, ma lasciare che i membri del team si occupino da soli del compito successivo quando hanno finito con l’ultimo.

    Come OneDesk ti aiuta a fare Agile

    OneDesk differisce dalla maggior parte dei sistemi di gestione dei progetti in quanto consente di eseguire un progetto utilizzando metodi agili, metodi tradizionali o una combinazione di entrambi. Ecco come.

    Crea progetti che vengono raggruppati in portfolio o cartelle che vengono raggruppati in progetti.

    Passa facilmente tra le visualizzazioni delle schede o l’elenco gerarchico.


     

    Usa i punti Agile o le ore di lavoro per stimare le attività

    I grafici Burn-down e i grafici della velocità sono integrati (e anche molti altri grafici).

    Guarda un video su dove trovare le funzionalità agili in OneDesk

    OneDesk è appositamente studiato per quei progetti di medie dimensioni che a volte richiedono un po ‘di pianificazione e altre volte molto meno. OneDesk ha la flessibilità per consentire al tuo team di pianificare i tuoi progetti al livello richiesto per soddisfare il flusso di lavoro della tua organizzazione, senza sovraccaricare il tuo team con troppe spese generali. Con OneDesk ottieni tutti i vantaggi della gestione agile dei progetti pur avendo accesso a strumenti avanzati di cui potresti aver bisogno a volte. Ancora meglio, puoi passare da una modalità all’altra per combinare un’attenta pianificazione con un’esecuzione rapida e senza sforzo.

    Facci sapere se hai domande.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>