Trascrizione:

OneDesk è un’applicazione che combina l’help desk con la gestione dei progetti. OneDesk supporta la gestione dei progetti sia tradizionale che agile.

Come puoi vedere qui, sono nella vista delle mie attività e sto guardando la vista ad albero. E questo è un tipo di vista molto tradizionale per la gestione dei progetti. Puoi vedere che ho un progetto, alcune attività all’interno di alcuni di quei progetti ho cartelle con attività aggiuntive e così via. Quindi una struttura molto tradizionale. E insieme a questo abbiamo alcune visualizzazioni tradizionali in cui puoi, ad esempio, guardare le tue attività su un diagramma di Gantt e cosa hai.

Ma supportiamo anche i flussi di lavoro di gestione dei progetti agili. Ad esempio, abbiamo una scheda di stato in cui puoi trascinare e rilasciare la tua attività da una colonna all’altra per modificarne lo stato.

La cosa bella di OneDesk è che puoi passare avanti e indietro tra le metodologie di gestione dei progetti tradizionali e agili, all’interno dello stesso progetto o puoi averne di diverse per progetti diversi. Quindi, ad esempio, potresti utilizzare la gestione del progetto tradizionale per alcuni progetti e altre cose che richiedono meno pianificazione, potresti utilizzare una scheda di stato per spostare le cose da una all’altra.

Ad esempio, qui ho il miglior progetto che è pieno di diverse iterazioni, mentre qui ho un portfolio per un cliente specifico e potrei spostare diversi progetti da uno stato all’altro o diverse attività da uno stato all’altro all’interno di quello scheda di stato.

Quindi esaminerò alcuni dei diversi strumenti che abbiamo in OneDesk che supportano il flusso di lavoro agile. Come ti ho mostrato qui, la prima è la scheda di stato, ma puoi creare le tue schede per cose diverse dagli stati. Ad esempio, potresti creare una bacheca per gli assegnatari e ne ho creata una qui. E qui puoi ad esempio trascinare e rilasciare un’attività, da una colonna all’altra per riassegnarla.

Puoi farlo per un sacco di cose diverse. Ad esempio, a livello di progetto, posso infatti spostare un intero progetto da uno stato a quello successivo. Porta un progetto non programmato a “in-planning”, a “backlog” e così via.

Inoltre, quando arrivi alla fine di un’iterazione e devi trasferire alcune attività da un progetto all’altro, puoi farlo anche tu. Lo fai nella bacheca delle attività, assicurandoti di essere a livello di tutti i progetti e poi raggruppa le tue attività per progetto. Quindi creerò una bacheca e aggiungerò il raggruppamento per progetto. Ora, quando lo salvo, hai una nuova bacheca del progetto di visualizzazione. Ora puoi vedere che sono nella mia bacheca del progetto. Posso infatti trascinare e rilasciare un’attività da un progetto a quello successivo in modo da poterla spostare da un’iterazione all’altra. Solo una semplice operazione di trascinamento della selezione.

Abbiamo anche un sistema di punti che utilizzi spesso nelle metodologie di gestione dei progetti agili. Quindi, se apro i dettagli dell’attività, puoi vedere che ho un campo qui per i punti agili. Quando si effettua la stima dei punti per un’attività, è sufficiente inserire quella stima qui. Se ad esempio hai una scala da uno a cinque, potresti inserire un’attività da cinque punti e un’altra è un’attività da due punti o quello che hai. Quindi è molto facile aggiungere solo i punti agili alle attività.

Inoltre, quando guardi il tuo progetto – andrò alla visualizzazione ad albero per guardare i miei progetti qui – puoi vedere che in un progetto abbiamo qualcosa chiamato capacità di punti agili. Puoi definirlo qui. Quindi, ad esempio, posso vedere che sto usando uno dei 20 punti che ho assegnato a questo progetto. Man mano che aggiungo più attività o aggiorno i punti su tali attività, questo numero aumenterà e sarò in grado di vedere quando raggiungerò la mia capacità di punti che ho definito per questo progetto.

Inoltre, abbiamo alcuni grafici e dashboard che puoi utilizzare per farlo. Vai al livello dei progetti, scegli la visualizzazione dashboard e puoi vedere una serie di grafici e statistiche che puoi utilizzare. Ma in particolare per l’agile abbiamo qui un grafico che confronta i punti agili con la capacità. Abbiamo un grafico della velocità che confronta la velocità di un progetto con il successivo. E abbiamo grafici bruciati. Quindi i grafici burn-down, come sai, riducono il numero di attività aperte man mano che le completi e hai masterizzato per progetto o puoi semplicemente avere il burndown generale.

Ora puoi bruciare per punti ma se preferisci agire in modo più tradizionale puoi bruciare anche con il lavoro e spegnere semplicemente le cose che non ti riguardano.

Ecco qua. OneDesk supporta pienamente la gestione agile dei progetti su molti livelli diversi. In sintesi, abbiamo tutti i grafici di cui hai bisogno per burndown e velocità. Capacità di punti: abbiamo la possibilità di aggiungere punti a compiti e progetti. Abbiamo la possibilità di creare tutti i diversi tipi di bacheche in modo che tu possa sia spostare le attività da uno stato a quello successivo sia che puoi spostare interi progetti da uno stato all’altro. È inoltre possibile utilizzare le bacheche per riassegnare e trasferire le attività da un progetto a quello successivo quando non è possibile completarle all’interno di un’iterazione.

Facci sapere se hai domande. Puoi semplicemente contattarci facendo clic su questa bolla qui e saremo felici di rispondere. Grazie.